Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il sito www.medicofuturo.org fa uso dei cookie. Il loro impiego prevalente è legato a motivi tecnici e di funzionamento del sistema.

Le informazioni raccolte dai cookie non hanno lo scopo di identificare l'utente personalmente, ma contengono dati generali sulle impostazioni del computer, il sistema operativo, l'indirizzo IP e i tempi di navigazione sul sito web.

Le informazioni raccolte possono essere utilizzate in forma aggregata per l'attività di marketing e di analisi dell'uso del sito web.

Cosa sono i cookie

I cookie sono stringhe di testo di piccola dimensione, inviate da un server ad un web client (un'informazione memorizzata dal sito web, visitato nel computer del navigatore).

Vengono impiegati, in generale, per ricordare le preferenze, i dati e le informazioni di navigazione dei visitatori su quel particolare sito web, ma non contengono dati personali.

L'uso dei cookie

La maggior parte dei browser Internet accetta i cookie automaticamente, ma è possibile modificare le impostazioni del browser, per cancellare i cookie o impedire l'accettazione automatica.

All'utente del sito viene consentito di rifiutare l'uso dei cookie. Se l'utente rifiuta l'uso dei cookie, la possibilità di fornire servizi personalizzati sarà limitata. In tale ultimo caso alcune occorrenze del Sito potrebbero non funzionare correttamente ed alcuni dei servizi non essere disponibili.

Di seguito una serie di link alle guide per le impostazioni relative ai cookie dei principali browser.

Internet Explorer: http://support.microsoft.com/kb/278835

Internet Explore [versione mobile]: http://www.windowsphone.com/en-us/how-to/wp7/web/changing-privacy-and-other-browser-settings

Chrome: http://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en-GB&answer=95647

Safari: http://docs.info.apple.com/article.html?path=Safari/5.0/en/9277.html

Safari [versione mobile]: http://support.apple.com/kb/HT1677

Firefox: http://support.mozilla.org/en-US/kb/Enabling%20and%20disabling%20cookies

Blackberries: http://docs.blackberry.com/en/smartphone_users/deliverables/32004/Turn_off_cookies_in_the_browser_60_1072866_11.jsp

Android: http://support.google.com/mobile/bin/answer.py?hl=en&answer=169022

Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/

Si ricorda che, disabilitando i cookie nel proprio browser, queste impostazioni si applicano a tutti i siti web e non solo a questo.

Tipi di cookie

Esistono due tipi di cookie:

cookie di prima parte (o proprietari): soggetti e leggibili dal solo dominio, che li ha creati;

cookie di terze parti: soggetti e creati da domini esterni a quello, che stiamo visitando.

E possono essere

di sessione (o temporanei): si eliminano alla chiusura del browser;

persistenti: restano memorizzati come file, anche dopo la chiusura del browser e si eliminano dopo un certo periodo di tempo prestabilito.

Per maggiori informazioni su cookie visita: http://www.cookiecentral.com.

I cookie e medicofuturo.org

Il sito medicofuturo.org utilizza cookie, di diverse tipologie, per finalità e scopi molteplici:

cookie di prima parte, per le statistiche web (eseguite sulla base di dati aggregati e anonimi);

cookie di terza parte, per gli strumenti di condivisione delle pagine e per i servizi legati ai social media.

Per informazioni sui plug-in sociali di Facebook, visita https://www.facebook.com/about/privacy/your-info-on-other.

Eventuali modifiche a questa politica saranno pubblicate in questa sezione ed entreranno in vigore all'atto della pubblicazione. L'uso continuato del sito web costituisce accettazione di tali cambiamenti.

testimonianze

Il medico allopata a cui fare una…

Aveva solo 4 anni mio figlio quando era arrivato al...

Leggi tutto...

Omeopatia... questa sconosciuta fino a pochi mesi…

Alla tenera età di 51 anni mi sono avvicinata alla...

Leggi tutto...

La testimonianza di un paziente è inconfutabile!

Vorrei portare la mia testimoninza sulla efficacia della Medicina Omeopatica...

Leggi tutto...

Una cittadina racconta

«Cos'è la malattia?  Io sono considerata una persona malata, anzi...

Leggi tutto...

Non so come, ma con l'Omeopatia mi…

Vorrei qui testimoniare che benché io non sappia come sia...

Leggi tutto...

Sei medico e fai ricerca? Sei un paziente e vuoi far conoscere la tua esperienza? Hai una testimonianza da condividere?

Invia il tuo articolo che sarà valutato dal comitato scientifico della LUIMO...

Leggi tutto...

La libertà di scelta terapeutica è diritto di civiltà contro la barbarie

Durante un recente programma televisivo il direttore dell’Istituto Superiore di Sanità ha sostenuto

che i medici omeopati dovrebbero essere denunciati perché non rispetterebbero il codice deontologico. Questa dichiarazione non corrisponde a nessuna verità. La Corte Costituzionale ha ribadito che l’esercizio della Medicina Omeopatica è un atto medico e dunque necessariamente compiuto da un medico. La Federazione degli ordini dei medici ha inserito Omeopatia, Agopuntura e Fitoterapia quali pratiche riconosciute nell’esercizio medico. La Comunità Europea ha riconosciuto e regolamentato i medicinali omeopatici. Lo stesso stato italiano sta procedendo al rinnovo delle autorizzazioni dei medicinali omeopatici. Di conseguenza le affermazioni del direttore dell’ISS si appoggiano sul nulla.

Signori come quello testé citato sostengono - ci sembra di capire - che ogni medicina deve avere una prova “scientifica” necessaria perché possa essere usata. E questa prova scientifica deve essere tale da assicurare una qualche efficacia del medicinale in oggetto. Dobbiamo essere coscienti che questi signori, ritenendo la medicina una “scienza”, considerano, di conseguenza, i pazienti non più persone ma semplicemente cavie da laboratorio. Il modo in cui si comportano sembra tracciare un profilo di questo genere.

Messa da parte questa pur necessaria precisazione, l’atteggiamento precedente, caldeggiato da alcuni soggetti, è certamente sintomatico di una concezione della Medicina e dello Stato violentemente negazionisti dello stato di diritto.

Andiamo invece in fondo alla questione “efficacia”; è su questo piano che si deve doverosamente rispondere a queste persone sul piano della civiltà scientifica e giuridica. Quando parliamo di efficacia, stiamo parlando del grado, della capacità di curare di una determinata sostanza o di un trattamento. Quando leggiamo che un antibiotico ha un’efficacia del 30%, 40% o qualunque altra percentuale, questo vuol dire che su 100 pazienti trattati un certo numero ha tratto beneficio dalla sua assunzione. Guardando i numeri, la questione diventa subito molto chiara. Solo un certo numero di pazienti trattati ha avuto beneficio da quel trattamento, mentre l’altra frazione non ha avuto alcun risultato, o solo risultati parziali.

Ecco, è questo il punto. Se usiamo delle cavie, le ammaliamo in laboratorio e poi sperimentiamo il trattamento, una parte guariranno ed una parte no. Se si tratta di una malattia molto seria probabilmente moriranno. Succede lo stesso anche con i pazienti. Quando il nostro oncologo preferito sentenzia che il nostro cancro ha una possibilità di cura (remissione di almeno 5 anni) del 50%, ci sta dicendo che il 50% dei soggetti trattati ha una possibilità di sopravvivenza superiore ai cinque anni almeno. Ora questo significa che l’altro 50% non avrà questa possibilità.

Quando domandiamo da che parte stiamo noi, da quella del 50% che sopravvive o quella del 50% che non sopravvive il medico non saprà darci alcuna risposta sicura. Ergo, tutta la scienza dell’efficacia di fronte al paziente singolo non serve a un fico secco. Perfino se il medico in questione dice che la frequenza è altissima, il 70 l’80%, non saprà mai confermare al paziente che decorso avrà la sua, di quel paziente, malattia.

Quindi la scienza di per sé non dà alcuna garanzia a quello specifico paziente della sua guarigione, tranne nel caso evidentemente in cui guariti siano il 100% ed il medico un indovino.

È qui allora, e prevalentemente qui che urge, necessita la libera scelta del paziente. È proprio di fronte ad una medicina “scientifica” incapace di precisare alla persona individuale il decorso della malattia, che il paziente deve essere libero di esplorare altre strade, alternative o complementari esse siano. Rifiutare questo percorso ad un paziente significa impedirgli di gestire il suo corpo e la sua coscienza.

Ma qui c’è anche il fondamento della indispensabile libertà del medico.

Non dobbiamo nasconderci dietro la foglia di fico. Dire ad un paziente che ha il 40% di probabilità di cavarsela non deve essere lo strumento di protezione legale del medico. Il medico dovrebbe fare tutto quello che sa e che può per migliorare le condizioni del suo paziente, anche e specialmente in casi gravi. Come può rifiutarsi, una persona che ha lavorato tutta la sua vita per salvare un suo simile, di provare a fare qualcosa in più? E come può lo stesso medico impedire al paziente di cercare altre strade? È immorale pensare che il medico non possa cercare altrove, nella sua esperienza o in quella di altri un modo per migliorare anche di un 2 3 o 5 percento la vita del malato. La libertà di scelta terapeutica, la libertà di decidere quale sia il trattamento migliore per il paziente e la libertà di scegliere quel trattamento devono essere un obbligo deontologico del medico. Negare questa libertà al medico significa tornare ad una barbarie in cui il medico ha potere di vita e di morte sul suo paziente. Duemila anni di civiltà dovrebbero averci reso sensibili a questi diritti elementari. Il direttore dell’Istituto Superiore di Sanità e i suoi amici che si reputano così progressisti, prima di rivendicare a sé o ai suoi amici il diritto sul corpo e sulla coscienza della gente dovrebbe perlomeno riflettere alle conseguenze che genera la loro posizione trogloditica.  

News dalla LUIMO

esperto

Recidive di influenza

Salve, ho 43 anni ho fatto da settembre una serie...

Leggi tutto...

Tristezza e calo del tono dell'umore

 Gent.mo Dr. vorrei chiederle un consiglio: faccio una premessa conosco...

Leggi tutto...

Coxartrosi e Arnica

Gentile Dottore sono affetto da coxartrosi alle due anche (collo del...

Leggi tutto...

Prostatite

Buongiorno, Ho 50 anni e da 2 soffro di disturbi prostatici...

Leggi tutto...

Neoplasia vescicale

Buongiorno! Mio marito, 80 anni, e'affetto da neoplasia vescicale dal 2003...

Leggi tutto...

Olismo

autore: Franceso Pungitore
editore: a cura dell'autore Presso Feltrinelli è possibile richiedere ...

Leggi tutto...

L'uomo come opera d'arte

autore: Francesco Eugenio Negro
editore: Franco Angeli

Leggi tutto...

Au delà de nos limites biologiques

autore: Miroslav Radman avec Daniel Carton
editore: Plon Leggendo questo libro mi ...

Leggi tutto...

I doveri della Libertà

autore: Emma Bonino
editore: Laterza Potrebbe apparire strano che un sito come il ...

Leggi tutto...

Il malato immaginario - i rischi di una …

autore: marco bobbio
editore: Einaudi L'onnipotenza della medicina moderna, l'affarismo senza scrupoli, ...

Leggi tutto...

Il Medico del Futuro Oggi
portale di informazione omeopatica

a cura della LUIMO
Libera Università  Internazionale di Medicina Omeopatica

Responsabile:
Dott. Vincenzo Rocco

Organizzazione e redazione:
Dott. Davide Visioli

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.