Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il sito www.medicofuturo.org fa uso dei cookie. Il loro impiego prevalente è legato a motivi tecnici e di funzionamento del sistema.

Le informazioni raccolte dai cookie non hanno lo scopo di identificare l'utente personalmente, ma contengono dati generali sulle impostazioni del computer, il sistema operativo, l'indirizzo IP e i tempi di navigazione sul sito web.

Le informazioni raccolte possono essere utilizzate in forma aggregata per l'attività di marketing e di analisi dell'uso del sito web.

Cosa sono i cookie

I cookie sono stringhe di testo di piccola dimensione, inviate da un server ad un web client (un'informazione memorizzata dal sito web, visitato nel computer del navigatore).

Vengono impiegati, in generale, per ricordare le preferenze, i dati e le informazioni di navigazione dei visitatori su quel particolare sito web, ma non contengono dati personali.

L'uso dei cookie

La maggior parte dei browser Internet accetta i cookie automaticamente, ma è possibile modificare le impostazioni del browser, per cancellare i cookie o impedire l'accettazione automatica.

All'utente del sito viene consentito di rifiutare l'uso dei cookie. Se l'utente rifiuta l'uso dei cookie, la possibilità di fornire servizi personalizzati sarà limitata. In tale ultimo caso alcune occorrenze del Sito potrebbero non funzionare correttamente ed alcuni dei servizi non essere disponibili.

Di seguito una serie di link alle guide per le impostazioni relative ai cookie dei principali browser.

Internet Explorer: http://support.microsoft.com/kb/278835

Internet Explore [versione mobile]: http://www.windowsphone.com/en-us/how-to/wp7/web/changing-privacy-and-other-browser-settings

Chrome: http://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en-GB&answer=95647

Safari: http://docs.info.apple.com/article.html?path=Safari/5.0/en/9277.html

Safari [versione mobile]: http://support.apple.com/kb/HT1677

Firefox: http://support.mozilla.org/en-US/kb/Enabling%20and%20disabling%20cookies

Blackberries: http://docs.blackberry.com/en/smartphone_users/deliverables/32004/Turn_off_cookies_in_the_browser_60_1072866_11.jsp

Android: http://support.google.com/mobile/bin/answer.py?hl=en&answer=169022

Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/

Si ricorda che, disabilitando i cookie nel proprio browser, queste impostazioni si applicano a tutti i siti web e non solo a questo.

Tipi di cookie

Esistono due tipi di cookie:

cookie di prima parte (o proprietari): soggetti e leggibili dal solo dominio, che li ha creati;

cookie di terze parti: soggetti e creati da domini esterni a quello, che stiamo visitando.

E possono essere

di sessione (o temporanei): si eliminano alla chiusura del browser;

persistenti: restano memorizzati come file, anche dopo la chiusura del browser e si eliminano dopo un certo periodo di tempo prestabilito.

Per maggiori informazioni su cookie visita: http://www.cookiecentral.com.

I cookie e medicofuturo.org

Il sito medicofuturo.org utilizza cookie, di diverse tipologie, per finalità e scopi molteplici:

cookie di prima parte, per le statistiche web (eseguite sulla base di dati aggregati e anonimi);

cookie di terza parte, per gli strumenti di condivisione delle pagine e per i servizi legati ai social media.

Per informazioni sui plug-in sociali di Facebook, visita https://www.facebook.com/about/privacy/your-info-on-other.

Eventuali modifiche a questa politica saranno pubblicate in questa sezione ed entreranno in vigore all'atto della pubblicazione. L'uso continuato del sito web costituisce accettazione di tali cambiamenti.

testimonianze

Il medico allopata a cui fare una…

Aveva solo 4 anni mio figlio quando era arrivato al...

Leggi tutto...

Omeopatia... questa sconosciuta fino a pochi mesi…

Alla tenera età di 51 anni mi sono avvicinata alla...

Leggi tutto...

La testimonianza di un paziente è inconfutabile!

Vorrei portare la mia testimoninza sulla efficacia della Medicina Omeopatica...

Leggi tutto...

Una cittadina racconta

«Cos'è la malattia?  Io sono considerata una persona malata, anzi...

Leggi tutto...

Non so come, ma con l'Omeopatia mi…

Vorrei qui testimoniare che benché io non sappia come sia...

Leggi tutto...

Sei medico e fai ricerca? Sei un paziente e vuoi far conoscere la tua esperienza? Hai una testimonianza da condividere?

Invia il tuo articolo che sarà valutato dal comitato scientifico della LUIMO...

Leggi tutto...

Au delà de nos limites biologiques

autore: Miroslav Radman avec Daniel Carton
editore: Plon

Leggendo questo libro mi sono domandato se Annuncia una nuova Era oppure e' una strenna di Natale, con risvolti che potrebbero essere da incubo.

La storia e' semplice, forse anche banale. Miroslav Radman avrebbe scoperto un elisir di lunga vita. Promette qualche anno di ricerche in più, ma entro qualche anno potremmo già essere in grado di, assumendo una magica pozione, vivere come giovincelli fino a 200 anni. Per chi non lo conoscesse, M. Radman e' uno scienziato nato in Croazia e naturalizzato in Francia dove attualmente vive. E' considerata una grande mente. Con la sua equipe ha concepito e dimostrato l'esistenza di un sistema generalizzato (chiamato SOS) presente dai batteri fino all'uomo che permette di riparare il DNA in caso di danneggiamento da parte di radiazioni, stress ossidativo, o altri agenti in grado di interrompere la continuità della doppia elica. Le sue ricerche hanno stimolato centinaia di laboratori in tutto il mondo a guardare a questo sistema di riparazione del DNA, a studiarne le caratteristiche in molti organismi tra cui l'uomo, ed a metterlo in correlazione con molti diversi tipi di cancro e malattie di origine genetica. Ma probabilmente il più grande merito di queste ricerche e'stato di avviare una serie di spiegazioni molecolari all'evoluzione darwinista delle specie.

Quindi, quando il dr. Radman dice che ha in mano una pozione magica di lunga vita bisogna,  se non altro, fare attenzione a quello che dice.

Veniamo ai fatti. Alcuni organismi, dai batteri alle piante, alle meduse, sembra abbiano vita eterna. Questo perchè sono capaci, meglio di altri di difendersi dai danni che provocano le radiazioni ionizzanti e lo stress ossidativo. L'invecchiamento deriva dall'aumento dell'ossidazione cellulare, e dall'incapacità' delle cellule di porvi rimedio con il passare del tempo. Se le cellule di un organismo giovane possono attivare tutte le difese in grado di rispondere agli stress esterni, man mano che passa il tempo anche i sistemi di difesa dallo stress vengono colpiti dall'ossidazione. E quindi diventano meno efficienti, fino a quando il sistema va sotto la soglia di resistenza e sopraggiungono malattie e la morte. Gli organismi " immortali" invece hanno un sistema apparentemente non proteico, o non soltanto proteico, in grado di proteggere, o irrobustire come dice Radman, i sistemi enzimatici di riparazione dei danni. Nel batterio Deinococcus radiodurans vi è una mistura di metaboliti contenenti manganese che entra in gioco, e che appare proteggere in vitro linee cellulari umane (1).

Quindi, per proteggersi dall'invecchiamento e' necessario proteggere o irrobustire i sistemi protettori delle proteine che riparano il DNA.

Secondo l'autore, anche questi sistemi di protezione sarebbero presenti in tutti gli organismi ma a livelli diversi in funzione del patrimonio genetico di ognuno. Gli ultracentenari potrebbero quindi essere dei " mutanti positivi" per questi  sistemi di protezione dei protettori.

Un po' di ricerche ancora e poi potrebbe essere possibile difendersi dallo stress ossidativo almeno fino ai duecento anni. Questa in sintesi l'affermazione. Dato per assodato che a questo si arriverà prima o poi, la seconda parte del libro entra in una specie di previsione di come potrebbe essere un mondo fatto da ultracentenari. Quali implicazioni sociali, umane, etiche e politiche potrebbe portare l'eternità. L'elemento centrale  sembra essere il superamento dell'evoluzione biologica così come la conosciamo oggi, per realizzare in pieno un'evoluzione culturale. La rinuncia alla medicina sostitutiva/chimica/ per giungere ad una medicina esclusivamente biologica/molecolare.  L'uso estensivo della genetica molecolare, la sostituzione di geni alterati con copie sane, aggiunta alla pozione magica/oppure miglioramento molecolare dei protettori dei sistemi di riparazione renderebbero l'umanità sufficientemente robusta da poter continuare a vivere ed a lavorare ultracentenari. Potremmo "evolvere come vogliamo" senza subire  la pressione selettiva. Il contorno sociale, ed alcuni dei suoi valori, dovrebbero essere modificati in funzione dell'allungamento della vita. Ad esempio gli ultracentenari porrebbero un problema di controllo della natalità e di mortalità. Forse nessuno avrebbe voglia di morire e sarebbe necessario passare ad una morte programmata, per cui oltre ad una certa età sarebbe giocoforza necessario morire. L' idea dunque, per digerire la pillola amara dell'obbligo di morire, sarebbe quella di fare in modo che si muoia... di piacere, attivando i centri cerebrali del piacere sessuale, e separandoli dalle funzioni riproduttive. Secondo Radman ci si troverebbe nelle condizioni di una evoluzione della specie essenzialmente culturale, andando al di là per l'appunto del limite biologico della specie umana.

Questo e' solo uno dei numerosi spunti di riflessione per una società di ultracentenari, in cui il valore della riproduzione diviene secondario rispetto alla vita individuale.

Certo ci si può domandare se questo scenario sia possibile o augurabile. In ogni caso la società prefigurata dovrebbe salvaguardare oltre ogni possibile limite la libertà individuale per limitare tutti i rischi di derive totalitarie e totalizzanti, dovute alle pesanti manipolazioni sulla persona umana che una tale prospettiva potrebbe proporre.

Mettiamo davvero che succeda questo, mi sono chiesto, e la Medicina Omeopatica avrebbe ancora un ruolo? Ma certo, di sistemi di riequilibrio della nostra energia vitale ne avremo sempre bisogno. Noi sappiamo bene che, benché si voglia negarlo, gli organismi, che essi siano modificati geneticamente oppure no, vivono in interazione con il mondo. Allora il mondo si adatterà alla nuova condizione umana e l'uomo continuerà a modificarsi in funzione di esso. E forse nuovi miasmi appariranno. E della Medicina del simile ci sarà sempre bisogno.

Nello scenario prospettato, forse l'unica cosa davvero che potrebbe modificarsi, diventando quella umana una società ultracentenaria, sarà la nostra percezione del tempo. Un libro come quello di Radman pubblicato alle soglie del 2012, coincide curiosamente con le profezie del mutamento del mondo previste per il 2012. Magari, è proprio questo che la fine del calendario Maya indica: dovremo misurare il tempo in altro modo. ..

Poi, mi sono svegliato.

1. Slade D, Radman M. Oxidative stress resistance in Deinococcus radiodurans. Microbiol Mol Biol Rev. 2011 Mar;75(1):133-91.

Vincenzo Rocco

Au delà de nos limites biologiques

Miroslav Radman avec Daniel Carton

PLON editeur

Euro 18,90

 

esperto

Calazio

Salve, sono qui per parlarle del mio problema: il calazio...

Leggi tutto...

Unicismo o pluralismo?

Buonasera Dottori, Vi chiedo alcune delucidazioni in merito ad una cura...

Leggi tutto...

Consulenza ginecologica

Salve, scrivo per una consulenza ginecologica. Ho 38 anni, dopo...

Leggi tutto...

Bartolinite

Salve, sono una ragazza della provincia di Napoli, ho trovato casualmente...

Leggi tutto...

Chemioterapia, dieta vegan e omeopatia

Buonasera scrivo, per un consiglio/consulto per la mia ragazza: due...

Leggi tutto...

Olismo

autore: Franceso Pungitore
editore: a cura dell'autore Presso Feltrinelli è possibile richiedere ...

Leggi tutto...

L'uomo come opera d'arte

autore: Francesco Eugenio Negro
editore: Franco Angeli

Leggi tutto...

Au delà de nos limites biologiques

autore: Miroslav Radman avec Daniel Carton
editore: Plon Leggendo questo libro mi ...

Leggi tutto...

I doveri della Libertà

autore: Emma Bonino
editore: Laterza Potrebbe apparire strano che un sito come il ...

Leggi tutto...

Il malato immaginario - i rischi di una …

autore: marco bobbio
editore: Einaudi L'onnipotenza della medicina moderna, l'affarismo senza scrupoli, ...

Leggi tutto...

Il Medico del Futuro Oggi
portale di informazione omeopatica

a cura della LUIMO
Libera Università  Internazionale di Medicina Omeopatica

Responsabile:
Dott. Vincenzo Rocco

Organizzazione e redazione:
Dott. Davide Visioli

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.